venerdì 9 giugno 2017

Quando si dice l'intelligenza

Sarebbe antropologicamente interessante conoscere le regole d'ingaggio che miliziani del genere utilizzano durante le loro attività operative. Ad esempio, il criterio con cui distinguono un qualsiasi passante da un nemico a cui sparare senza indugio.

Il video dà un'idea di come vengano armati interi eserciti di utili idioti del tutto inconsapevoli del loro ruolo esistenziale ed incapaci di gestire in maniera
razionale l'enorme potere che conferisce sugli altri un'arma da guerra.
Truppe del genere sono facilmente reperibili nella fascia equatoriale africana, soprattutto in quelle zone in cui la povertà offre scarsissime prospettive, la cultura ed il Quoziente medio Intellettivo toccano i minimi su scala planetaria ed un arruolamento più o meno forzato può costituire l'unica forma di sussistenza, per quanto rischiosa (relativamente perché simili accozzaglie di guerriglieri improvvisati sono utilizzate principalmente contro civili inermi e disarmati).
Ma la vita paramilitare alletta anche giovani maschi fannulloni che si ubriacano del potere conferito dalle armi ed anche dal fatto che molto spesso, oltre ad una paga da soldato, soprattutto durante le operazioni di guerra, viene offerto loro anche il diritto di stupro e di saccheggio, come fu fatto dai francesi a favore delle truppe marocchine di supporto all'invasione alleata in Italia.

In alcuni Paesi particolarmente "caldi", gli arruolamenti avvengono in maniera forzata dalle stesse milizie, che usano irrompere in pacifici villaggi allo scopo di rapire adolescenti di entrambi i sessi, le femmine come schiave sessuali e per sbrigare le faccende di routine ed i maschi come soldati ma non di rado anch'essi come schiavi sessuali, almeno finché, maturando, non diventano meno interessanti per gli appassionati del genere.

Un'alternativa all'arruolamento, a rischi molto più bassi, è per loro emigrare in Italia, forse per questo il 90% di immigrati illegittimi nel nostro Paese è composto da giovani maschi in buona salute e relativamente benestanti, abbastanza per pagarsi il viaggio che al cambio medio africano non è poco.

L'AK-47 di fabbricazione russa è il fucile più gettonato dal terrorismo e dai disperati di tutto il mondo, il famigerato Kalashnicov che qualcuno pensa di utilizzare anche come un giocattolo per primati più o meno evoluti: