martedì 22 maggio 2018

Governo: utlimi danni della vecchia gestione, primi danni della nuova

Col risultato delle amministrative in Val d'Aosta, dopo quelli di Friuli Venezia Giulia e Molise, gli elettori continuano a dar segno di aver cominciato a comprendere l'errore di aver concesso eccessivo consenso all'inconcludente e subdola formazione pentastellata che comunque è riuscita ad ottenere diversi risultati concreti, naturalmente a danno della Nazione ed in barba agli stessi elettori, compresi i propri.

La prima conseguenza dei capricci della dirigenza esecutiva del Movimento Immobile - non dimentichiamo che l'azienda pentamassonica è di stampo verticistico non democratico - è stata quella di sfaldare la coalizione di governo che la maggioranza degli elettori ha scelto in base ad un preciso programma condiviso. Con l'aiuto della Presidenza della Repubblica, il Movimento è riuscito ad imporre veti e capricci infantili escludendo di fatto dal governo Forza Italia e Fratelli d'Italia estrapolando la Lega dalla coalizione come contentino per l'elettorato del centro destra, con la quale concludere un accordo di governo su punti che non sono esattamente gli stessi che gli elettori hanno maggiormente votato.
Del resto, la stessa direzione della Casaleggio aveva provveduto a rimuovere dal sito di riferimento dell'azienda il programma presentato ai propri elettori sostituendolo arbitrariamente con un altro significativamente modificato, alla faccia dei loro stessi elettori. Ma questa è prassi in un'azienda parapartitica antidemocratica.

La farsa sulla nascita del Governo, prolungata ad arte in più atti, costringendo la direzione della Lega a delle vere acrobazie politiche pur di assolvere al meglio il mandato elettorale, ha dato tempo e modo al Governo di Gentiloni di infliggere gli ultimi danni al Paese da parte dell avecchia gestione (ora vedremo i danni che riusciranno a fare i pentamassonici) svendendo le acciaierie di Piombino ad un gruppo indiano e rimuovendo dal programma di studi degli Istituti Professionali lo studio della Storia dell'Arte - che a mio avviso non sarebbe un danno in linea di massima se il provvedimento non riguardasse anche gli Istituti d'Arte!
Complimenti al Movimento, un nemico del Paese subdolo, ipocrita a machiavellico ancor peggiore del farsesco Partito antiDemocratico e della Corte dei Miracoli europei che gli ruota attorno: uno stimolo ad impegnarsi maggiormente per cambiare il Paese e liberarci dei suoi falsi profeti.

lunedì 21 maggio 2018

Ennesima truffa elettorale

Compatti verso gli Stati Uniti d'Europa che i cittadini non vogliono

Art.29 del contratto di governo stipulato tra l'azienda commerciale Casaleggio Associati tramite il marchio "Movimento 5 Stelle ©" ed il partito "Lega": 
Unione Europea - "...l'Italia chiederà la piena attuazione degli obiettivi stabiliti nel 1992 col trattato di Maastricht confermati nel 2007 con quello di Lisbona [ovvero la Costituzione Europea, sottoscritta da Prodi e D'Alema senza tener conto della volontà popolare che si era già espressa contro la costituzione di un'Europa unita, N.d.R.]...
Questo, assieme ad altri punti che seguono nell'articolo e ad altri punti del contratto, sancisce la nascita dell'ennesimo governo europeista anti italico dopo

mercoledì 9 maggio 2018

Linee di sangue


  •  Negli USA, su 43 presidenti, 34 risultano imparentati tra loro.
  •  La famiglia Bush pare sia quella di dinastia più nobile, imparentata con tutte le dinastie reali regnanti e non, anche europee.
  • Barack Obama (per sua stessa  ammissione) è imparentato per discendenza materna col primo presidente degli Stati confederati Jefferson Davis.
  • Al Gore è cugino degli ex presidenti  Nixon e Bush Jr a loro volta imparentati sia con la famiglia Windsor che con quella di Lady Diana.
  • Il gesto delle corna - manifestato pubblicamente in molte occasioni da molti leader come Bush, Obama, Prodi, Macron, Berlusconi, eccetera - erroneamente interpretato come un riferimento satanico, è in realtà un segno di appartenenza ad una linea regale, in quanto la radice verbale KRN

martedì 8 maggio 2018

Le metodica distruzione del patrimonio boschivo

Il primo articolo della nostra pur buona Costituzione - per quanto esautorata dalla Costituzione Europea (al secolo Trattato di Lisbona) - parte da un presupposto quanto meno equivoco: che l'Italia sia una Repubblica (democratica) "fondata sul lavoro".
Quest'asserzione è semanticamente priva di senso, ciò nonostante viene citata spesso come alto riferimento morale in particolar modo dalle formazioni più populiste nell'accezione classica del termine, non in quella distorta ed orwelliana in uso oggi.
Di conseguenza, per gran parte degli individui spersonalizzati che compongono la nostra società (in)civile, il lavoro in quanto tale assurge al rango di fine e non di mezzo quale dovrebbe essere, tanto che c'è gente che si suicida perché non riesce a sopportare la propria condizione di disoccupazione pur non avendo

lunedì 7 maggio 2018

Truffa a 5 Stelle

Un bel video che esemplifica l'ambiguità politica del Movimento Immobile - evidenziando la truffa del programma elettorale totalmente ribaltato dopo le elezioni - e la tipica stolidità sinistroide dell'elettore medio dello spregevole e triuffaldino movimento pentamassonico.

lunedì 30 aprile 2018

Pare scongiurato un governo-cloaca per l'Italia

Dopo il (prevedibile) risultato delle amministrative in Friuli-Venezia Giulia, l'altra buona notizia è che dovrebbe essere scongiurata un'intesa di governo tra il Movimento Immobile ed il Partito Delinquente.
Non che la sua opinione conti qualcosa ma perfino lo stesso senatore-che-voleva-eliminare-il-Senato (ma uno stipendio da senatore fa cambiare idea a tutti) Matteo Renzi, ha affermato - dalla trasmissione propagandistica sinistrorsa di Fazio - che il PD non può condividere un governo col M5S. A parte che ci si potrebbe anche chiedere chi mai sarebbe tanto idiota da farlo.
Ora, perfino Di Maio potrebbe aver capito che continuare a tradire sistematicamente il 51% dei suoi elettori che ha creduto di NON votare per un partito di sinistra, potrebbe comportare lo sfacelo del Movimento pentamassonico.

giovedì 26 aprile 2018

M5S=PD intesa possibile anzi scontata

Al di là delle manfrine che ci propinano i media di regime, non esiste alcun reale problema tecnico-programmatico per lasciare l'Italia ancora senza un governo formale. Dico "formale" perché un governo effettivo c'è e, indisturbato, sta apportando ancora danni al Paese.
Per i due loschi movimenti si tratta solo di venirsi incontro su alcuni dettagli programmatici, ammesso e non concesso che il M5S sia realmente capace di esprimere programmi che possano essere perseguiti per più di una settimana.
Tuttavia, condividono diversi obiettivi sostanziali: permanenza nella NATO, nella

mercoledì 25 aprile 2018

Il giorno dell'oblio

A beneficio dei tanti italiani ignari o dalla memoria corta, va ricordato che oggi ricorre la commemorazione dell'occupazione americana.
Questo va ricordato tutti gli anni perché sia le associazioni di collaborazionisti assassini passati alla storia dei vincitori come "partigiani", sia le nuove generazioni, sono convinte che l'Italia sia uscita vincitrice da quella Seconda Guerra Mondiale fortemente voluta, organizzata e finanziata sui due fronti dal sionismo sovranazionale.
E invece no, l'Italia fu sconfitta da una potentissima coalizione internazionale che si avvalse della Mafia americana sotto la supervisione di Lucky Luciano per reintrodurre in Sicilia la mafia locale che era stata precedentemente azzerata dal fascismo tramite l'intervento del Prefetto Mori che dispose l'arresto di tutti i mafiosi (semplice, eh?).

martedì 24 aprile 2018

Ciò che mi preoccupa è che gli "antirazzisti" sono per lo più razzisti.

"Ciò che mi preoccupa è che gli “antirazzisti” sono per lo più razzisti. Questo è lo stesso fenomeno per i cosiddetti “antifascisti” che sono quasi sempre profondamente fascisti. Ci sono volte in cui sono necessari antifascismo e anti-razzismo. Ma, ultimamente, i gruppi che sono tali tendono ad essere razzisti contro i propri cittadini e violentemente contro la libertà di espressione di chi non la pensa come loro."
[Duglas Murray, autore del libro The Strange Death Of Europe (La strana morte dell'Europa) pubblicato nel 2017 ma a quanto pare non disponibile in italiano]
Il passo riportato, che ricalca perfettamente il senso di opinioni più volte

sabato 14 aprile 2018

Attacco finto, reazione vera


Non si è trattato di un attacco israeliano con armi chimiche - che era la cosa più logica da pensare nel caso un attacco del genere fosse stato realmente effettuato - ma dell'ennesima fiction hollywoodiana, questa volta di matrice inglese. La perfida Albione, maestra d'inganni... .

Due medici dell'ospedale in cui sono stati ricoverati i feriti dall'attacco hanno rilasciato la loro testimonianza in merito, ripresa da uno dei pochissimi siti (vedi snipet nella colonna a fianco) che riportano verità non manipolate su ciò che accade in Siria e più estesamente nello scenario mediorientale.
Questo è il link all'articolo per l'approfondimento:

giovedì 12 aprile 2018

Movimento 50 Stelle alla Prova del 9


 -
Ancor prima di poter dare cattiva prova della loro incapacità amministrativa di un Paese importante come l'Italia e mentre l'illegittimo quanto decaduto Gentiloni dichiara guerra alla Siria per conto suo  i pentamassonici si trovano ad affrontare una decisione da grandi: (continuare a) appoggiare lo spietato imperialismo guerrafondaio giudaico-massonico ai danni della Siria oppure schierarsi a favore della pace e della sovranità degli Stati?
Un errore in questo ambito potrebbe costare loro il definitivo (quanto atteso, NdR...) sputtanamento agli occhi di tanti elettori che già hanno cominciato ad aprire gli occhi sulla reale natura e lo scopo precipuo di un Movimento Immobile creato a tavolino dalla Corona inglese al fine di affiancare e poi sostituire il PD allo scopo di mantenere il controllo anglosassone (dice nulla il cognome del  Sassoon fondatore del Movimento Immobile?) del Bel Paese.

lunedì 9 aprile 2018

Vaccini più dannosi che inutili: una verità ufficiale

"Un militare non si arrende nemmeno mai, nemmeno di fronte all'evidenza." [cit.: Colonnello Buttiglione, personaggio radiofonico-cinematografico creato da Mario Marenco negli anni '70]

Il reiterato negazionismo dell'ufficialità per determinati argomenti sensibili sembra a volte essere conseguenza diretta di quella scuola di propaganda che fu creata dal gerarca nazista Joseph Goebbels nella sua investitura di Ministro dell'Istruzione Pubblica e, appunto, della Propaganda. Il suo insegnamento orwelliano che maggiormente è passato alla storia è che qualsiasi menzogna ripetuta

mercoledì 4 aprile 2018

Guai una primadonna al potere!

La versione italiana di Obama, con i suoi capricci da primadonna, sta svolgendo al meglio il compito assegnato al Movimento Immobile dai poteri sovranazionali che lo hanno creato ovvero far permanere il Paese in uno stato di caos nel quale l'ultrafinanza e tutti gli altri poteri sovranazionali possono continuare ad agire indisturbati: basti prendere atto della figura di merde (nella sua accezione di francesismo) che abbiamo fatto davanti al mondo lasciando agire indisturbati doganieri stranieri sul nostro territorio. In un governo retto AD ESEMPIO da Casapound credo che un fatto del genere non avrebbe avuto terreno fertile per verificarsi, comunque non apriamo ora un

domenica 1 aprile 2018

Sì, padrone


Imbarazzo e (finta) indignazione mostrati dal malgoverno per il caso del blitz effettuato al di qua del confine da una squadra di agenti francesi.
Embè?!? Quando mai siamo stati padroni del nostro territorio e dei nostri interessi, soprattutto nei riguardi dei francesi?
Rinfreschiamo la memoria agli indignati, a quelli veri ed a quelli finti.
  • Durante gli Anni di Piombo italiani (prima metà degli anni '70), i terroristi di sinistra trovavano alloggio e protezione in Francia, al riparo da estradizioni;
  • Nel 1980, due caccia francesi abbatterono l'aereo Itavia nei cieli di Ustica e poi un Mirage libico sulla Sila che sarebbe dovuto essere di scorta al jet di Gheddafi ed invece si era

sabato 31 marzo 2018

1992 anno horribilis


Non si può negare che la situazione di estrema sudditanza economica e politica in cui si trova l'Italia in questo momento, rispetto alle principali nazioni del mondo occidentale - ma non solo - abbia avuto origine nel 1992, un anno fatidico che vide esautorata del potere la classe dirigente economica e politica non allineata con i poteri forti sovranazionali.

Va detto che nel 1989 si verificò una condizione - di rilevanza storica - che spianò la strada al Colpo di Stato del '92: la caduta del sistema sovietico.

Come conseguenza immediata per quanto riguarda la politica italiana, il nostro Partito Comunista si trovò all'improvviso orfano di protezione e

venerdì 30 marzo 2018

Non è mai troppo presto per sbagliare - se il buongiorno si vede dal mattino...

Certo che se non ci fossero i pentamassonici con le loro sparate infantili ed isteriche, gli opinionisti potrebbero anche impiegare il loro tempo a parlare di politica invece che di fenomeni sociali.
L'inconsistenza politica del pentastellato medio è rappresentata appieno dai suoi due principali rappresentanti: l'Obama italiano ed il neoeletto alla Camera.
Se il primo è diventato ormai una barzelletta ben dipinta in più occasioni dal sagace e pungente Vincenzo De Luca, il secondo, catapultato dal nulla ideologico e fattuale alla presidenza della Camera quale cifra distintiva della millantata quarta Repubblica, non ha fatto in tempo ad insediarsi che già merita qualche critica e qualche preoccupazione.

giovedì 29 marzo 2018

Quanto ci costerà (ancora) il reddito d'immigranza?

Chissà quanto ci metteranno i meridionali che hanno votato in massa per il Movimento Immobile a rendersi conto che il propagandato Reddito di Cittadinanza è - ove fosse realmente attuato - quanto di più lontano dalla convenienza degli stessi cittadini italiani... italici!
Infatti, in un Paese in cui (primi al mondo) l'80% dei cittadini è proprietario della casa in cui abita (e non solo) e (ancora una volta primi al mondo) oltre un terzo è proprietario intestatario di veicoli, è assai improbabile che, una volta compilato l'ISEE, un italiano (vero)

martedì 27 marzo 2018

Relazioni pericolose

Era dai giorni di molto precedenti della sconfitta elettorale che non si vedeva una Boldrina così sorridente. La dissennata elezione di un imberbe barbuto (perdonate l'ossimoro) pentamassonic... pardon pentastellato alla Presidenza della Camera deve averla riempita di gioia, facendole prendendo atto che nonostante tutto, a comandare i giochi politici in Italia rimangono sempre gli stessi enti sovranazionali.

Gli italiani più lenti di comprendonio (a quanto pare in prevalenza meridionali ingannati dalla vana promessa di un reddito di cittadinanza (che a ben leggere è di immigrazione) avranno bisogno di

lunedì 26 marzo 2018

Critica del torto puro


Non mi voglio certo paragonare a Umberto Eco (anche perché le sue iniziali richiamano sinistramente l'Unione Europea...) che col lancio da me utilizzato intitolò - mi pare di ricordare - un capitolo di un suo divertente libro ma la parafrasi del testo kantiano può descrivere la meglio lo spirito con cui vado a "vincere facile" criticando l'inesistente programma politico che ha pur permesso al Movimento Immobile di riscuotere un consenso razionalmente inspiegabile, almeno al centro-sud del Paese.
Per inciso, rilevo che, in un'epoca in cui si fa fatica a parlare di destra e sinistra politica, perfino l'Italia risulta, politicamente, non più divisa in tre macro regioni ma solo in due, identitariamente diluite e

giovedì 22 marzo 2018

Cambiamento rimandato a data da destinarsi


 -
Complimenti ai registi! La legge elettorale con cui si è votato ed il successo del Movimento Immobile hanno raggiunto lo scopo prefissato di creare un guazzabuglio inestricabile da cui dovrebbe emergere un improbabile quanto instabile governo, di sicuro assolutamente incapace di assolvere alla sua funzione: quella di emancipare il Paese dai poteri sovranazionali che ne condizionano la vita fin dai tempi dell'occupazione americana, salvo un lento percorso di emancipazione stroncato dal Colpo di Stato denominato - col massimo dell'ipocrisia politica - "Mani Pulite".
Il dissenso che man mano era montato durante l'era dei governi tecnici nominati a Wall Street, è stato in gran parte cooptato dal movimento pentamassonico grazie all'enorme visibilità mediatica concessagli dai media di regime ed al contestuale oscuramento di tutte le voci e le istanze non allineate, col risultato

lunedì 19 marzo 2018

Affinità elettive


Non per fare il Lombroso della situazione ma, tra il serio ed il preoccupato, non credo vada sottovalutata l'indubbia somiglianza che esiste tra il neoeletto Di Maio e l'ex presidente americano più guerrafondaio della storia ovvero Barack Obama.
Sembrano infatti  - con le dovute collocazioni temporali e contestuali - due figure uscite dal medesimo studio di marketing, costruite con i medesimi criteri di "miglior vendita".
La cosa ovviamente non meraviglia affatto visto che sappiamo bene quanto l'immagine ed il mercato siano determinanti nella politica americana o meglio nell'affermazione di coloro che il popolo s'illude di eleggere a propria rappresentanza; analogamente, siamo pienamente coscienti del fatto che il

sabato 17 marzo 2018

Il fumo e l'arrosto


 -
Mentre l'attenzione dei media di regime è focalizzata sulle esternazioni isteriche e sui comportamenti schizofrenici dei neoparlamemntari pentastellati che stanno svolgendo il loro compito al meglio, facendo in modo che l'Italia permanga in uno stato di caos permanente (non creativo), continuano a verificarsi (mis)fatti di estrema gravità per quanto riguarda l'integrità e la consistenza della nazione.
I governanti illegittimi ed ineletti infatti continuano ad agire indisturbati nel caos politico perseverando a distruggere e svendere il Paese in tutti i modi possibili.

In ordine sparso, sarebbe bene che invece di perdere tempo con la propaganda di regime, i media si preoccupassero di far sapere ai cittadini degli effetti nefasti per la sicurezza pubblica dell'incombente Piano Svuotacarceri, già pianificato a suo tempo da Gentiloni e compari e dell'imminente scadenza dell'effettiva

sabato 10 marzo 2018

Il razzismo dilaga in Italia: Wilde ci aveva avverito...

Nell'ottica dell'indebolimento di una coesione nazionale che potrebbe servire ad emanciparci dal controllo straniero e sovranazionale, il Sistema sta riuscendo nell'intento di rendere diffusamente razzista una nazione che non lo è mai stata, almeno a livello cultural-popolare.

Oscar Wilde
Un esempio eclatante di tale spinta eversiva si può ravvedere nei fatti di Macerata che hanno visto passare in secondo piano la macellazione rituale di una ragazza dopo una violenza di gruppo - il tutto ad opera di un branco di spacciatori stranieri, rispetto alla reazione di un singolo cittadino esasperato che ha cercato di colpire coloro che lui riteneva responsabili dei fatti di inaudita violenza e

giovedì 8 marzo 2018

8 marzo, festa delle fake news


Col perpetrarsi di questa festa discriminatoria più dannosa che inutile, anche quest'anno non si è persa occasione sfruttando la ricorrenza per rinfrescare la bufala sula millantata emergenza del femminicidio.
Accettato che delle 4 variabili possibili d'interazione violenta tra i sessi, il femminicidio rappresenta un omicidio commesso da un maschio ai danni di una femmina, non si capisce perché gli altri 3 casi non meritino altrettanta attenzione e deplorati con la stessa enfasi, soprattutto in un contesto in cui i femminicidi propriamente detti:
  1. Sono in calo dal 2003 ovvero da prima che tale definizione fosse sdoganata mediaticamente dal centro America in Italia;
  2. Nel nostro Paese rappresentano una tal percentuale sui crimini dello stesso

lunedì 5 marzo 2018

Politiche 2018: Rockefeller batte Soros 10:1 - Nel complesso la sinistra ottiene il 57% dei consensi

E' questa - più o meno - la proporzione tra i consensi che gli italiani collusi o ignari hanno tributato alla formazione pentamassonica che difende gli interessi del gruppo Rockefeller in Italia attraverso il membro della Trilaterale Luigi Di Maio e quelli tributati al partito di Soros "Meno Italia" del membro del Gruppo Bilderberg Emma Bonino.
Se a questi aggiungiamo il consenso concesso agli altri loro compagni di merende nominati a Washington, le preferenze vedono i partiti di sinistra conservare nel loro complesso una maggioranza del 57% circa.
Brutte notizie per l'Italia che dovrà aspettare una vera rivoluzione culturale per sottrarsi dai vincoli che ne impediscono salvezza ed emancipazione.
A meno di un tradimento voltafaccia del Movimento Immobile - tutto è possibile - nei riguardi della dirigenza sionista che potrebbe consentire ad una coalizione