lunedì 2 dicembre 2019

mercoledì 6 novembre 2019

IN DIFESA DEL CONTANTE

Nuova iniziativa del comitato Liberiamo l'Italia
________________________________________

Roma: Venerdì 6 dicembre ore 15:30

TUTTI SOTTO IL PARLAMENTO!

GIÙ LE MANI DAL CONTANTE
Il governo delle banche vuol togliere il contante alle persone: fermiamoli!
Aderisci all’Appello per promuovere la campagna in difesa del contante e contro la finanziaria del governo Pd-M5s, scrivendo a: difendiamoilcontante@liberiamolitalia.org oppure compila il modulo.
Organizziamo assemblee pubbliche in ogni città, costruiamo i comitati territoriali di LIBERIAMO L’ITALIA.

* * *

GIÙ LE MANI DAL CONTANTE
Il governo delle banche vuol togliere il contante alle persone: fermiamoli!
– al presidente della Camera dei Deputati
– al presidente del Senato della Repubblica
– a tutti i parlamentari

La scelta del governo Conte di colpire il normale uso del denaro contante va respinta.

La lotta all’evasione fiscale, con la quale viene giustificata, è solo un pretesto. La grande evasione (oltre il 90% del totale) si avvale di ben altri strumenti: dall’esportazione di capitali, al fittizio spostamento all’estero delle sedi aziendali, all’allegro utilizzo dei vari paradisi fiscali esistenti. Ma su questo né il governo italiano, né tantomeno l’Unione europea (guidata fino a ieri proprio da un rappresentante di quel regno dei grandi evasori che è il Lussemburgo), intendono muovere foglia.

Le vere ragioni per cui si vuol imporre in tutti i modi l’uso della moneta elettronica sono altre.

In primo luogo, chiara è la volontà di favorire il sistema delle banche e delle grandi società che gestiscono i principali circuiti di pagamento. L’aumento degli introiti, che i pescecani della finanza otterrebbero in questo modo, unito a quel punto alla possibilità di imporre tassi negativi sui depositi bancari a danno del risparmio delle famiglie, genererebbe un ulteriore e gigantesco spostamento della ricchezza verso il mondo della finanza, che arriverebbe così gradualmente ad un controllo assoluto sul denaro e la sua circolazione.

In secondo luogo, altrettanto grave è la volontà di trasformare un semplice atto della vita quotidiana (come i normali acquisti di ognuno di noi) in un tassello di quel Grande Fratello preposto a controllare l’esistenza, le abitudini e le scelte di ogni persona.  

Per queste elementari ragioni l’uso del contante va difeso. Ed ogni sua lesione va considerata come un atto discriminatorio ed antisociale, in contrasto con gli stessi principi della Costituzione repubblicana.

I sottoscritti aderenti al presente appello, certi di rappresentare l’ampia maggioranza dei cittadini italiani, si rivolgono quindi al Parlamento affinché respinga in toto l’assurda pretesa di tassare il contante. Di fronte ai principi di equità e di libertà che sono in gioco in questa scelta, che ognuno si assuma le proprie responsabilità!

No al pizzo a favore delle banche!
No alla penalizzazione dell’uso del contante!
Sì ai diritti delle persone!

LIBERIAMO L’ITALIA
 

martedì 22 ottobre 2019

Come creare problemi diversi con un solo provvedimento

Il malgoverno ultraliberista ha vomitato un'altro dei suoi attacchi all'economia italiana con le ultime disposizioni in materia fiscale che prevedono tra l'altro il carcere per le evasioni fiscali a partire dai 100.000€.
A rigor di termini, si tratta di un semplice - quanto assurdo e sproporzionato - inasprimento della pena, sul modello americano, per coloro che non compiono il dovere civico sancito dall'Art.53 della Costituzione.
Ma analizziamo per passaggi la situazione reale e corrente.

1) Ci troviamo in un Paese in regime di Avanzo Primario ormai da almeno due decenni, con l'eccezione di un solo anno. Avanzo Primario si definisce una condizione in cui lo Stato preleva di tasse più di quanto reimmetta sul mercato interno in termini di valuta. La valuta è il sangue dell'organismo economico: meno valuta in circolazione significa stagnazione, minore domanda,

mercoledì 16 ottobre 2019

Uccello del Paradiso

Fa piacere scoprire quante persone ci siano in Italia che hanno qualcosa di sensato da dire. Grazie al Direttore di NOTIZIE OGGI Vito Monaco, qualcuna di loro ha la possibilità di farsi ascoltare. Una di queste è Elisabetta Uccello:

lunedì 14 ottobre 2019

Epocale la prima manifestazione sovranista Roma

Come annunciato, sabato 12 ottobre ha avuto luogo a Roma la prima manifestazione propositiva per l'ItalExit e per altri temi di estrema importanza nell'attuale contesto politico. In  3000 provenienti da tutta Italia, alla fine del corteo hanno potuto ascoltare diversi importanti relatori non solo italiani. Approfittiamo del reportage realizzato da byoblu per riportarne un estratto:

mercoledì 9 ottobre 2019

Tutti d'accordo per il taglio della democrazia!


Con la vergognosa approvazione, quasi unanime, dal taglio dei parlamentari, si compie un altro passo verso una dittatura conclamata. Il taglio della rappresentanza democratica sancita dalla Costituzione era uno dei punti - ormai assolti - presenti nel Piano di Rinascita Democratica manifesto della Loggia P2 di Licio Gelli al fine di rendere più facile il controllo delle sovragestioni sui parlamentari, col vantaggio ulteriore di risparmiare sulle spese di corruzione.
Il tutto, peraltro, a fronte di un risparmio ridicolo per le Casse dello Stato (per noi singoli cittadini circa 2 Euro all'anno) da cui stornare ovviamente le pensioni d'oro che i defenestrati andranno a percepire.
Un bel risultato, non c'è che dire, dovuto al collaborazionismo di una classe politica marcia - o del tutto impreparata - fino al midollo. I vari partiti presenti

martedì 8 ottobre 2019

Coincidenze significative

Questo video molto ben fatto sviscera due enormi problemi per il nostro Paese del tutto sottaciuti dai media: la coincidenza delle principali rotte migratorie con quelle della droga e il devastante impatto sociale causato dall'importazione reiterata di giovani maschi stranieri, argomento quest'ultimo già trattato in questo articolo.



=== ItalExit 12 ottobre Roma === 
h.14:00 Piazza della Repubblica (già Piazza Esedra)

mercoledì 2 ottobre 2019

Il discorso di una ragazzina alle Nazioni Unite

La storia si ripete, soprattutto quando la gente ha la memoria corta.



=== ItalExit 12 ottobre Roma === 
h.14:00 Piazza della Repubblica (già Piazza Esedra)

domenica 29 settembre 2019

Se non se ne parla è importante: calendarizzato lo Ius Soli

"NEL TOTALE SILENZIO, IL 3 OTTOBRE E' STATO CALENDARIZZATO IN COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI DELLA CAMERA DEI DEPUTATI LO IUS SOLI, OSSIA LA LEGGE BOLDRINI UTILE A DARE LA CITTADINANZA AUTOMATICA AI MINORI STRANIERI IN ITALIA!!!!! LO STESSO GIORNO IN PIAZZA A MONTECITORIO CI SARA' UNA RACCOLTA FIRME PER BLOCCARE QUESTO PROVVEDIMENTO......... 
D I F F O N D E T E   A  P I U '  N O N   P O S S O ! ! !"

Riporto pari pari un post inserito a margine di un video di Arnaldo Vitangeli per diffondere l'allarme tra i cittadini preoccupati per la continua perdita di sovranità e controllo sul territorio.
 Se una notizia passa in TV, o si tratta di propaganda oppure è poco significativa

martedì 24 settembre 2019

Greta? Meglio Rubbia!

Mentre il Sistema si difende sul fronte nazionale censurando (anche) il canale Facebook del neonato partito Vox Italie, contemporaneamente attacca sul piano globale con una grossa ed articolata offensiva basata sul Climate Change, denominazione che va a sostituire quella del Global Warming ormai troppo sfruttata e forse politicamente scorretta. Utilizzando come testimonial l'ormai famosa psicopatica svedese ed un enorme schiera di suoi seguaci sagacemente definiti "gretini", il Sistema cerca di ottenere diversi scopi molto utili alla finanza speculativa apolide:
- Inibire lo sviluppo delle aree geopolitiche meno industrializzate ma potenzialmente competitive: solo delle industrie potenti e già avviate avranno la possibilità di adeguarsi a degli standard molto restrittivi sulle emissioni;

lunedì 16 settembre 2019

Nasce Vox Italia, il nuovo partito populista e socialista

Raccoglie molte istanze socialiste e sovraniste già proposte da CasaPound ed in parte dal Partito Comunista di Rizzo ma sotto una veste umanistica non politicizzata e non nazionalista. Tra i principali promotori Diego Fusaro che in questo video ne illustra il manifesto:



=== ItalExit 12 ottobre Roma ===
h.14:00 Piazza della Repubblica (già Piazza Esedra) 

venerdì 13 settembre 2019

Aspetti tecnici di un colpo di Stato costituzionale

Arnaldo Vitangeli [Lafinanzasulweb] intervista il giurista Mario Esposito che delinea una cronistoria giuridica sulla serie di azioni ed eventi che hanno portato il Paese in condizioni di perdere tutta la sua residua capacità di autodeterminazione, una volta entrato in Europa, soprattutto in rapporto ad altri Paesi dell'Unione che almeno una parte della loro sovranità l'hanno conservata.


=== ItalExit 12 ottobre Roma ===
h.14:00 Piazza della Repubblica (già Piazza Esedra) 

giovedì 12 settembre 2019

La privatizzazione della politica

L'insanabile conflitto d'interessi di una società commerciale diventata partito
Pubblicato il 31 agosto 2019 da Il Decimo Toro



=== ItalExit 12 ottobre Roma ===
h.14:00 Piazza della Repubblica (già Piazza Esedra)

martedì 10 settembre 2019

In trentamila da tutta Italia per la manifestazione a Montecitorio per il voto subito

Enorme successo della manifestazione popolare apartitica mirata a richiedere una nuova tornata elettorale per eleggere un parlamento così come voluto dai cittadini e non imposto con manovre di palazzo dai soliti poteri forti sovranazionali.
Piazzale gremito così come le altre piazze adiacenti. Molti autobus diretti alla manifestazione e migliaia di altri partecipanti sono stati bloccati a distanza dalla concentrazione con le scuse più disparate ma alla fine i cittadini intervenuti hanno forzato il blocco ordinato dal 7° governo illegittimo degli ultimi 19 anni e sono riusciti ad esercitare il diritto di manifestare, peraltro sancito dalla nostra bistrattata e calpestata Costituzione.
La volontà popolare quando è compatta non può essere fermata né con i blocchi stradali ed alla lunga neanche con la censura: è di ieri infatti anche la notizia